SINDROME DI ALLETTAMENTO

Paz 84 anni , caduta accidentale, fratura polso e frattura costale 4-5. Malgrado la mobilizzazione ( si è intervenuti dopo una settimana)si è istaurata una delle tante conseguenze della sindrome di allettamento…lesione da decubito tallone.La paziente si rifiutava di camminare durante il giorno senza la presenza del fisioterapista.Voglio ricordare che una delle conseguenze nella sindrome di allettamento sono le lesioni da decubito nelle zone da contatto. Inoltre voglio ricordare agli addetti ai lavori che La pressione del sangue nei capillari è circa 33 mmHg alla estremità arteriosa e 16 mmHg alla estremità venosa; se la compressione esercitata è inferiore a questi valori, la cute rimane intatta.
– Le pressioni misurate sotto le prominenze ossee (es. sacro, gran trocantere) in soggetti stesi su materassi convenzionali, possono raggiungere 100-150 mmHg; queste pressioni sono in grado di ridurre la tensione di ossigeno transcutanea a livello prossimi allo zero.
– Nei soggetti seduti le pressioni misurate sotto le tuberosità ischiatiche possono arrivare a 300 mmHg. La compressione ripetuta e prolungata favorisce la comparsa di ulcere.la paziente è sotto trattamento con tecnica a riguardo compreso bendaggio elicoidale multistrato🚨🇮🇹
  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *